Generale

Generale (567)

Rappresentazione tradizionale del Leone, del Cancro e dei Gemelli.
L’effetto “specchio” permette di invertire la posizione dei leoni effigiati nel sesto concio. È possibile infatti che l’ignoto scalpellino, prima di realizzare l’immagine in rilievo, ne avesse delineato i contorni su un cartone bucherellato e avesse poi adottato la tecnica dello spolvero per riprodurne l’immagine sulla pietra. Non è quindi da escludere che egli avesse invertito il cartone, creando appunto quell’effetto “specchio” con il quale l’immagine del sesto concio si presenta oggi ai nostri occhi.
Confronto tra l’immagine a “specchio” del Cancro-Gemelli presente nel sesto concio e quella risultante sulla mappa stellare corrispondente.

Terzo concio del portale con l’immagine dello Scorpione.

Mappa stellare con l’immagine dello Scorpione impresso nel terzo concio del portale. Si distende tra le attuali stelle della Vergine, del Serpente, della Bilancia, dell’Idra, dello Scorpione, di Ofiuco, del Sagittario e dello Scudo. È interessante notare che la figura include totalmente l’odierna costellazione della Bilancia. Ciò significa che lo zodiaco del portale del Purgatorio presenta undici segni, e non dodici come avviene attualmente. Significa altresì che lo zodiaco tortorese è di origine ellenica giacché erano proprio i Greci a non conoscere il segno della Bilancia e a considerarlo parte dello Scorpione. La Bilancia fu infatti introdotta nello zodiaco dai Romani, che peraltro ripresero una tradizione già nota ai popoli mesopotamici.
Quinto concio del portale con l’immagine del Sagittario. È un quadrupede (un cavallo?) che impugna l’arco con la freccia e dietro al quale è effigiato il cosiddetto “fiore della vita”.
Confronto fra il terzo concio del portale e l’immagine stellare corrispondente.
Pagina 10 di 63
Go to top