Ballerina: Francesca Laino tortorese facente parte del gruppo 'Musica Itinerante' con Biagio Accardi, Gianluca Zammarelli, Rosalba Grillo, Marco Moccia, Giuseppe di Cello. Strumentazione: una cornamusa, una chitarra, due organetti, due tamburelli.
Oggetti in legno, in terracotta, in vimini di uso e di lavoro quotidiano del contadino del tempo passato.
Una nipote del ceramista Giuseppe Limongi decora un vaso in terracotta.
Da sinistra un aratro in miniatura, un portafiori, un bicchiere sopra una ceneriera, una marionetta, due mortai sovrapposti, un pestello, un uccello, un boccale con manico, una raganella per il venerdì santo.

Il Comitato ‘Gruppo Centro Storico’ di Tortora ha organizzato una giornata di rievocazione della tradizione tortorese relativa ai costumi, agli strumenti musicali, ai canti, ai balli e ai prodotti tipici dell’artigianato ed enogastronomici del territorio.

I fichi secchi nei periodi di carestia, specie durante l'ultima guerra mondiale 1940-1945, oltre che aver salvato

La grammatica tortorese ricalca grosso modo quella italiana con delle varianti proprie del territorio. Per un'analisi più particolareggiata si rinvia alle parti del discorso elencate nel menu verticale qui a destra.

 

Pagina 20 di 64
Go to top