Generale

Generale (567)

Tipica casa di famiglia signorile, protetta da alto muro di recinzione con ampio portale di ingresso difeso da caditoia e feritoie laterali, dotata di cortile interno, stalle e frantoio, con ampia e dolce scalinata di accesso al piano nobile. Vi fu ospite Garibaldi nel 1860 durante l'impresa dei Mille.
Costruita con materiale povero ma di bell'effetto architettonico grazie alle cornici di tegole che le conferiscono colore, movimento e leggerezza.
Chiamato 'il Palazzo', era la fortificazione posta sull'unico lato accessibile dello sperone roccioso su cui fu costruita Julitta, divenuta poi la sede dei baroni di Tortora.

La fonetica tortorese ha alcune caratteristiche che la distinguono da quella
italiana, ma l'accomunano a molti dialetti degli Alti-Bruzi calabresi. Sono
soprattutto suoni vocalici costituiti dalla modulazione di due o più vocali.

Possessivi, dimostrativi, indefiniti, interrogativi
Cardinali, ordinali, moltiplicativi, collettivi

Per contattare l'autore: Michelangelo Pucci - trav. Leonardo da Vinci 7 - 87020 Tortora CS - tel. 0985764382

Sono un tortorese 'doc', nato e residente a Tortora, che ha trascorso gli anni di formazione in altre regioni d'Italia: i cinque anni del Ginnasio in Toscana, due anni di Liceo in Piemonte, l'ultimo anno di Liceo a Sapri, i quattro anni di Università a Napoli.

Pagina 63 di 63
Go to top